Password dimenticata? Nome utente dimenticato? Registrati
login |  logout |  register
Cellulare DESTINATARIO *
MITTENTE
TESTO DEL MESSAGGIO *
* obbligatorio
logotype
Sei qui: Home News Ingegneria La videosorveglianza: le telecamere
La videosorveglianza: le telecamere
Votazione Utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Matteo   
Giovedì 24 Febbraio 2011 21:34

Le telecamere sono realizzate per essere installate:

all’interno dell’edificio o in zone riparate dai fenomeni atmosferici
all’esterno in cui la telecamera è soggetta ai fenomeni atmosferici

Le telecamere da interno sono idonee all’installazione in ambienti interni. Alcune di queste poste in appositi box possono essere collocate all’esterno. Le telecamere da esterno invece hanno un involucro che sopporta le condizioni climatiche anche molto dure e sono più costose.

Le telecamere da interno e da esterno possono essere equipaggiate dal costruttore con LED IR (infrarosso) che permettono la visione degli ambienti anche con scarsa luminosità o in assenza di illuminazione. L’assenza di illuminazione è indicata con 0 Lux. Le telecamere IR si riconoscono da una rosa di LED che si trovano in torno all’ottica della telecamera. A parità di potenza del singolo LED, una telecamera con tanti LED permette una visione nitida a lunga distanza in caso di scarsa illuminazione solare o artificiale. In alcuni casi se non bastano i LED montati sulla telecamera si può ricorrere a particolari illuminatori IR che si possono installare in prossimità o a distanza dalla telecamera.


In commercio e soprattutto su internet si trovano telecamere a prezzi molto bassi e spesso si pensa di fare un affare. Come in tutto a volte il prezzo fa la qualità del prodotto. In altri casi il prezzo delle telecamere è molto elevato e spesso non giustifica la qualità del prodotto, ma del resto il cliente che ricorre alla videosorveglianza è disposto a spendere grosse cifre purché sia garantita la sua sicurezza.

Nel seguito dello scritto si fa riferimento a telecamere per sistemi cablati con cavo coassiale.
Un esempio di telecamera a basso costo e di prestazioni medio basse è la IR12M (Figura 1) venduta da www.negoziovirtuale.com. È una telecamera venduta per funzionare all’esterno come dichiarano le specifiche del costruttore, ma osservandola conviene installarla in un luogo riparato. Da ricordare che la posizione di installazione non deve dipendere dalla telecamera ma dalle esigenze di chi vuole video sorvegliare.
La telecamera è equipaggiata con LED IR e come scritto sul modello riprende distanze fino a 12 metri (IR12M). Con questa telecamera viene fornita pure la staffa di fissaggio anche se sarebbe meglio non venisse fornita visto la qualità e l’utilità che ha. La staffa fornita è quella a destra mostrata in Figura 2. La staffa più grande nella precedente figura è di qualità eccellente rispetto a quella fornita ed ha un costo di pochi euro. Quindi la staffa fornita conviene buttarla e sostituirla con una vera staffa. Quindi quando si compra la telecamera conviene sempre fare riferimento al prodotto telecamera e non agli accessori che vengono forniti. Su due telecamere modello IR12M è stata riscontrata una pessima qualità e inutile funzionalità delle staffe fornite.
Come si vede nella Figura 1 la telecamera è equipaggiata di due cavetti. Uno è per l’alimentazione a 12V DC. Viene fornito l’alimentatore per una pratica e veloce installazione. L’altro cavo è il segnale con un connettore BNC femmina. Il connettore del cavo di segnale in alcune telecamere è invece un RCA. Il collegamento maschio-femmina tra due spinotti BNC è preferibile rispetto a quello RCA. Lo spinotto RCA si trova su telecamere da interno di basso valore. Il connettore BNC si trova su le telecamere di ottima qualità sia da interno che da esterno. In prossimità alle telecamere installate all’esterno è consigliata una scatola di derivazione in cui proteggere le connessioni maschio femmina dei connettori dell’alimentazione e del segnale anche se questo sia di tipo BNC. Per le telecamere che si trovano all’esterno è sconsigliato l’utilizzo di connettori RCA anche se protetti in scatola perché si potrebbe incorrere all’ossidazione dei connettori per l’umidità con il conseguente disturbo delle immagini sorvegliate.

Figura 1.

 

Figura 2.

 

Commenti

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Titolo:
Commento:
  La frase di verifica. Solo lettere minuscole senza spazi.
Frase di verifica:
   

Ultime Notizie

Ultime notizie - internet

Ultime notizie - scienza